Skip to content

Legge Cirinnà, come proteggere il tuo patrimonio

Indice Articolo

La Legge Cirinnà del 20 maggio 2016 è stata un punto di svolta per le coppie di fatto in Italia, in quanto ha introdotto riconoscimenti e tutele giuridiche che prima non esistevano. La legge è stata promulgata per riconoscere e proteggere i diritti delle coppie omosessuali e eterosessuali che convivono e ha influenzato l’approccio alla gestione e alla pianificazione patrimoniale per queste coppie.

Tuttavia, nonostante i progressi, rimangono diverse complessità e sfumature legali che necessitano di un’attenzione particolare, soprattutto per quanto riguarda la gestione del patrimonio, i diritti successori e la tutela del partner sopravvissuto.

È in questo contesto che la consulenza patrimoniale assume un ruolo sempre più importante. Diventa uno strumento indispensabile per comprendere appieno le implicazioni della Legge Cirinnà e per mettere in atto strategie patrimoniali che tengano conto delle specificità di ogni coppia.

Scopriamo insieme di che cosa si tratta.

Cos’è la Legge Cirinnà?

La Legge Cirinnà è ufficialmente conosciuta come Regolamentazione delle Unioni Civili tra Persone dello Stesso Sesso e Disciplina delle Convivenze, è una rivoluzione nel panorama legale italiano in quanto estende protezioni e riconoscimenti alle coppie di fatto.

Questa legge è entrata in vigore a partire dal 2016 e ha introdotto un quadro giuridico che per la prima volta offre alle coppie di fatto una serie di diritti e doveri simili ma non uguali a quelli derivanti dal matrimonio.

La Legge stabilisce che le unioni civili tra persone dello stesso sesso siano riconosciute con un atto formale davanti a un ufficiale dello stato civile, conferendo ai partner diritti e doveri reciproci in termini di assistenza morale e materiale, diritto alla successione in caso di decesso, e la possibilità di adottare il cognome del partner.

C’è da dire che anche per le coppie di fatto che non optano per l’unione civile, la legge introduce una serie di tutele come il diritto di percepire la pensione di reversibilità e prendere decisioni mediche in caso di malattia oppure incapacità del partner.

Questo nuovo quadro giuridico impatta anche sotto il profilo della tutela patrimoniale. La Legge Cirinnà, infatti, consente alle coppie di fatto di accedere a strumenti giuridici che prima erano riservati solamente ai coniugi, come ad esempio, la possibilità di stipulare accordi patrimoniali, disposizioni testamentarie, etc.

Nonostante ciò, la legge non equipara completamente le unioni civili e le coppie di fatto al matrimonio, soprattutto in termini di adozione di minori e accesso ad alcuni benefici fiscali, rendendo ancora più critica la necessità di una consulenza patrimoniale per affrontare alcune complessità che rimangono ancora oggi irrisolte.

Qual è l’impatto della Legge Cirinnà sulla gestione patrimoniale?

L’entrata in vigore della Legge Cirinnà ha avuto un impatto importante sulla gestione patrimoniale delle coppie di fatto in Italia, introducendo novità e ponendo nuovi quesiti su come organizzare e tutelare i beni comuni e individuali all’interno della coppia. La legge, stabilendo un quadro legale per le unioni civili e riconoscendo le convivenze di fatto, offre a queste coppie strumenti prima inaccessibili per la pianificazione e la protezione patrimoniale.

Gestione patrimoniale per le unioni civili

Ad esempio, per le coppie omosessuali, la possibilità di registrare la propria unione come unione civile consente di accedere a un livello di protezione patrimoniale simile a quello del matrimonio. Ciò permette di condividere i beni in maniera più strutturata, con implicazioni dirette sulla successione, sui benefici pensionistici e sulla gestione dei beni in caso di separazione oppure decesso del partner.

Protezione del patrimonio per le convivenze di fatto

Per quanto riguarda le coppie eterossessuali e omosessuali che scelgono di non registrare la propria unione civile ma di fatto convivono, beneficiano anch’esse di una maggiore tutela. Sebbene non godano di tutti i diritti riservati alle unioni civili o al matrimonio, hanno ora la possibilità di ricorrere a strumenti giuridici, come i contratti di convivenza, per regolare aspetti patrimoniali della loro relazione. Questi contratti possono includere accordi su come gestire i beni comuni, la distribuzione delle spese e la tutela patrimoniale in caso di fine della convivenza.

Sfide e opportunità delle unioni civili

Nonostante l’intervento dello Stato a normare alcune fattispecie che prima non erano previste, rimangono ancora delle sfide e delle zone grigie per quanto riguarda la gestione patrimoniale delle coppie di fatto. La complessità delle normative e la diversità delle situazioni familiari richiedono un’analisi approfondita e una pianificazione efficace per assicurare che entrambi i partner siano equamente protetti nella loro relazione.

Ad esempio aspetti come la protezione del patrimonio, la pianificazione successoria e la gestione delle proprietà immobiliari comuni sono aspetti che necessitano di un’attenzione particolare.

La consulenza patrimoniale dopo la Legge Cirinnà

Nel contesto delineato dalla Legge Cirinnà, la consulenza patrimoniale assume un ruolo essenziale per le coppie di fatto.

La complessità e le novità introdotte da questa legge nel panorama giuridico italiano rendono indispensabile l’assistenza di professionisti qualificati in materia di gestione e pianificazione patrimoniale. Attraverso la consulenza patrimoniale, le persone coinvolte possono comprendere con chiarezza le implicazioni della legge sulla loro situazione finanziaria e patrimoniale, beneficiando di una serie di vantaggi.

Pianificazione patrimoniale personalizzata

Il primo e più evidente beneficio della consulenza patrimoniale è la possibilità di accedere a una pianificazione su misura. Ogni coppia ha esigenze, obiettivi e priorità uniche, che richiedono strategie personalizzate.

I consulenti patrimoniali lavorano a stretto contatto con le coppie per sviluppare piani che riflettano le loro specifiche circostanze, tenendo conto delle protezioni offerte dalla Legge Cirinnà e di come queste possono essere ottimizzate per garantire il massimo beneficio.

Ottimizzazione della tutela patrimoniale

Con la giusta guida, le coppie di fatto possono sfruttare al meglio gli strumenti legali a loro disposizione per la tutela del patrimonio. Ciò include l’utilizzo di contratti di convivenza per regolare la gestione dei beni comuni, la pianificazione successoria per assicurare che il patrimonio venga trasferito secondo le volontà dei partner, e la configurazione di soluzioni assicurative o fondi patrimoniali per proteggere il patrimonio da eventuali rischi. La consulenza patrimoniale permette di navigare queste opzioni con una comprensione chiara dei vantaggi e delle limitazioni di ciascuna.

Diagnosi dei rischi

Un altro aspetto fondamentale della consulenza patrimoniale è la capacità di identificare e mitigare i rischi associati alla gestione del patrimonio. Attraverso una diagnosi accurata dei rischi i consulenti possono proporre strategie preventive per proteggere le coppie da eventuali imprevisti, come controversie legali, problemi legati alla successione, o altri eventi che potrebbero minacciare la sicurezza finanziaria della coppia.

Questo livello di protezione è particolarmente prezioso in un contesto legale in evoluzione, dove nuove interpretazioni e applicazioni della legge possono influenzare la gestione del patrimonio.

Conclusioni

In definitiva, la Legge Cirinnà è una rivoluzione per le coppie di fatto in Italia, in quanto offre un nuovo livello di riconoscimento e tutela giuridica.

Tuttavia, nonostante l’introduzione di queste novità, ci sono complessità e sfumature legali che sottolineano quanto sia importante una consulenza patrimoniale. La consulenza, infatti, diventa uno strumento fondamentale per garantire che le coppie siano consapevoli delle loro opportunità e siano in grado di prendere decisioni informate riguardo alla gestione e alla protezione del patrimonio.

Non lasciare che le tue domande sui diritti delle unioni civili rimangano senza risposta.

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA E SCOPRI COME PROTEGGERE AL MEGLIO IL TUO PATRIMONIO
GRATIS

No comment yet, add your voice below!


Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Hai trovato interessante questo articolo? Condividilo o invialo a chi potrebbe tornare utile! Basta un clic👇

Facebook
Twitter
LinkedIn
WhatsApp
Email

Altri articoli che potrebbero interessarti

Scopri #IlMondodiAssit: consigli utili, risposte dettagliate e spunti di riflessione dai nostri esperti sul mondo assicurativo, finanziario e patrimoniale. Il tutto spiegato con parole semplici, chiare e lontane dal “burocratese”.

Parla con noi

Hai bisogno di aiuto o vuoi richiedere info? Compila il form con i tuoi dati, ti ricontatteremo quanto prima.

    I campi con contrassegnati con (*) sono obbligatori

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Clicca per prendere visione dell'informativa privacy di ASSIT SrlACCONSENTO

    Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Clicca per prendere visione dell'informativa privacy di ASSIT SrlACCONSENTO