Skip to content
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Assicurazione sanitaria: come sceglierla senza fare (i soliti) errori

Per dare una definizione generale, un’assicurazione sanitaria è un tipo di polizza che copre le spese sostenute in caso di malattia o infortunio.

Una polizza sanitaria può rivelarsi fondamentale in diverse occasioni della vita, dagli imprevisti quotidiani ai viaggi all’estero. In quest’ultimo caso la polizza interviene fornendo assistenza al viaggiatore, indirizzandolo verso un medico di fiducia sul posto o presso strutture convenzionate.

I vantaggi di questo tipo di copertura superano molto spesso i costi. Il suo scopo non è tanto quello di sostituire i benefici connessi al sistema sanitario nazionale, quanto mettersi a riparo da situazioni spiacevoli collegate a perdite di soldi legate a una malattia, o per fronteggiare spese per cure specialistiche decisamente onerose. Inoltre consente di scegliere tra le strutture private convenzionate godendo di tempi di attesa più rapidi.

Cerchi opinioni sulle polizze sanitarie? Dopo questa lettura avrai certamente le idee più chiare.

Come funziona un’assicurazione sanitaria

Le polizze sanitarie coprono spese legate allo stato di salute di chi le sottoscrive: accertamenti diagnostici, cure, ricoveri ospedalieri e acquisto dei farmaci.

Le coperture possono essere varie: indennitarie, a rimborso, per assistenza domiciliare, per i viaggi. Le più diffuse garantiscono il rimborso delle spese sostenute per le cure mediche, le visite specialistiche e gli esami diagnostici.

I piani disponibili possono assicurare il singolo individuo, l’intero nucleo familiare o i dipendenti di un’attività, e sono modulabili a seconda delle necessità.

5 consigli fondamentali per scegliere una polizza sanitaria

Non è sempre facile destreggiarsi tra opzioni, clausole, garanzie. Stai valutando la sottoscrizione di un’assicurazione sanitaria ma non sai da dove partire? Ecco 5 aspetti da considerare:

1. Stile di vita

Questo parametro non è utile solo per scegliere la copertura ideale. In realtà il premio di una polizza sanitaria può variare molto a seconda del richiedente, poiché viene calcolato sulla base di diversi fattori quali età, stile di vita, lavoro svolto, stato di salute e così via.
Al momento della stipula dovrai fornire varie informazioni relative al tuo stato di salute, senza omissioni e inesattezze.
Per queste ragioni dovresti ricevere un preventivo personalizzato e non basarti su un acquisto standard.

2. Servizi aggiuntivi

Esistono polizze che includono servizi speciali oltre alle coperture di base. Chiediti di quali potresti aver necessità e di quali invece potresti fare a meno.
Da valutare anche la rete di strutture e professionisti convenzionati a cui potresti accedere, in termini di capillarità e di qualità del servizio.
Anche se non strettamente legato alla polizza in sé, considera il servizio di assistenza della Compagnia Assicurativa con cui vorresti sottoscriverla: deve essere all’altezza delle tue necessità, efficiente, pronta a intervenire rapidamente nelle situazioni di emergenza.

3. Coperture e massimale

Persino la polizza più completa non copre indistintamente tutte le spese relative alla salute.
È importante sapere che le assicurazioni sanitarie non possono intervenire (o farlo solo parzialmente) sui problemi di salute preesistenti alla stipula. Ma non solo, vengono escluse a prescindere:

  • Spese dovute ad abuso di alcol, droghe e psicofarmaci, anche in caso di incidenti causati proprio da queste sostanze.
  • Spese per diete e consulenze nutrizionali
  • Spese per interruzioni volontarie di gravidanza e per anticoncezionali, salvo dove diversamente indicato.

Presta attenzione al massimale: questo rappresenta la spesa massima che la Compagnia Assicurativa può effettuare per rimborsare il cliente. Più è alto il massimale, più sono estese le coperture, più alto sarà anche il premio da pagare.

4. Periodo di carenza

Vi è un certo lasso di tempo dalla sottoscrizione all’entrata in vigore della polizza, detto anche “periodo di aspettativa”: in caso di malattia durante questo periodo le spese sanitarie non sono coperte.

5. Spese anticipate

Le polizze sanitarie possono intervenire in due modalità: con il pagamento diretto alla struttura, in caso di strutture convenzionate, o in modo indiretto, rimborsando l’assicurato dell’importo pagato alla struttura.
Nel caso delle polizze sanitarie a rimborso l’assicurato deve dunque anticipare le spese sostenute, spese che poi vengono rimborsate dalla Compagnia.
Questo aspetto non è da trascurare: chiediti se puoi sostenere l’anticipo di un pagamento spesso importante.

Assicurazione sanitaria opinioni: una lista di 5 consigli probabilmente non basta!

La tutela della salute è uno dei diritti essenziali della vita di ogni essere umano, e in questo contesto fattori quali tempestività ed accessibilità sono fondamentali e non trascurabili.

Quelli che abbiamo elencato sono solo alcuni dei fattori principali per scegliere la tua polizza sanitaria: da qui puoi prendere le prime misure per ricercare la copertura più in linea con le tue esigenze e con la tua situazione di partenza. Affidarsi a degli esperti resta sempre un buon consiglio.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Non ci sono ancora commenti


Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Parla con noi

Hai bisogno di aiuto o vuoi richiedere info? Compila il form con i tuoi dati, ti ricontatteremo quanto prima.

    I campi con contrassegnati con (*) sono obbligatori
    Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Clicca per prendere visione dell'informativa privacy di ASSIT SrlACCONSENTO
    Acconsento al trattamento dei miei dati personali. Clicca per prendere visione dell'informativa privacy di ASSIT SrlACCONSENTO